martedì 5 agosto 2014

Un segno invisibile e mio - Aimee Bender

QUARTA DI COPERTINA
Mona Gray, vent'anni, è innamorata dei numeri fino all'ossessione: l'ordine e la precisione dell'aritmetica le servono a difendersi dall'instabilità del mondo. Da quando il padre ha contratto una misteriosa malattia, infatti, Mona ha bloccato ogni propria aspirazione, ha paura di innamorarsi e si rifugia in una serie di piccoli gesti e oggetti scaramantici. Ma quando viene assunta come insegnante di matematica alle elementari, la sua vita, grazie a un'allieva fuori dal comune e a un collega capace di fare breccia nella sua timidezza, comincia a cambiare irreversibilmente.
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Mona Gray ha vent'anni ed è una ragazza decisamente strana, ha due fissazioni, la matematica e il legno.
Passa le sue giornate conversando con i numeri primi e ticchettando con le dita su ogni superficie in legno che riesce a toccare, alberi, porte, tavoli, parquet, sedie...tutto
Viene assunta come insegnante di matematica ed inizia un viaggio dentro di se accompagnata dai suoi alunni, tutti diversi, tutti con famiglie diverse e con diversi problemi, il problema di Mona è la malattia del padre, malattia misteriosa, visto che non si capisce di cosa si tratta, malattia che da un giorno all'altro rende un padre attivo e presente, un padre grigio e totalmente assente.
Ogni personaggio avrà la sua parte in questa storia e tutti insieme si aiuteranno reciprocamente a cambiare le proprie vite, a migliorarle e ad affrontare le proprie paure!

Esordirò con un "Ah!!! che libro strano", Mona Gray è il personaggio più strano che mi sia mai capitato di trovare in un libro, tick, manie, è sfuggente e particolare, non la solita vent'enne ecco, no lei è diversa, è problematica e perseguitata da tutti questi comportamenti compulsivi che potrete leggere sino alla fine del libro.
Come ha notato, la mitica "Lettrice Rampante" (lalettricerampante.blogspot.it) quando ha fatto la sua recensione di questo libro, è impossibile non accorgersi di un personaggio che si presenta così: "Il giorno del mio ventesimo compleanno mi sono comprata un ascia", questa frase è Mona, con i suoi no sense e le sue stranezze, davvero non so bene come lanciarmi nella descrizione di questo personaggio, il libro è veramente scritto bene, tutte le manie della protagonista sono così ben descritte che sembra di essere li a guardarla e a leggergli nella mente, tutte le sue domande, tutti i suoi ragionamenti.
Ogni personaggio è ben descritto, ogni paura dei personaggi è viva e ben comprensibile, non c'è un qualcosa che non si capisce, ogni comportamento strano, alla fin fine è palesemente normale, non potrebbe essere altrimenti.
Aimee Bender mi ha incantata, mi ha fatto entrare in menti complesse con mille perchè e mi ha aiutato ad uscirne con ogni dubbio messo a tacere, non vedo l'ora di avere tra le mani un altro suo libro!
Lettura consigliata, anche se dovete essere pronti ad entrare in psichi un pò particolari, senza pregiudizi.

Stay Tuned!!!
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Titolo: Un segno invisibile e mio
Autore: Aimee Bender
Casa Editrice: Beat
Formato: Tascabile
Pagine: 236
Prezzo di copertina: 9,00€
ISBN-13 9788865590669

1 commento:

  1. Brava more forse la recensione più bella fino ad ora... Libro intrigante ehhhh.. Anche se un pochino mi hai spaventato magari sarà lla mia prossima lettura.. :-) Brava brava!

    RispondiElimina