martedì 7 ottobre 2014

Le ragazze di Kabul - Roberta Gately

Odio quando sono qui pronta per recensire e le idee mi abbandonano.
E' un pò complesso approcciarsi a questa storia e tirarne fuori un racconto o qualcosa di comprensibile.
Questo libro racconta una storia, ma a me non l'ha raccontata, cosa voglio dire con questo, tutti gli accadimenti e le vicende del libro sono puramente sentimentali, ogni atto suscita un sentimento, ogni descrizione suscita un sentimento e mette da parte la storia, il racconto di per se.

Siamo in un Afghanistan in cui la minaccia del terrorismo è stata messa a tacere per un pò, Elsa è un infermiera appena ventenne, che dopo la caduta delle torri gemelle e inseguendo un sogno che ha fin da bambina, decide di girare per il mondo per aiutare le persone più bisognose, i paesi mangiati dalla guerra e sconquassati da ogni crudeltà possibile ed immaginabile, con questo proposito si ritrova a Bamiyan, cittadina dell' Afghanistan dove i talebani hanno creato molti problemi e giustiziato tante persone per poi spostarsi in altri lidi, nascondendosi all'arrivo degli americani.
L'altra protagonista è Parween una giovane Afghana a cui i talebani hanno portato via tutto, l'immenso amore per il marito e la libertà della sua città, Parween è una donna bella e forte, la sua famiglia è la cosa più importante ed è disposta a tutto pur di proteggerla.
Attorno all'amicizia che piano piano si crea tra le due ci sono tanti personaggi, tutti diversi e particolari nel loro piccolo, Hamid, l'aiutante amico di Elsa, Mike e David, due soldati americani che la faranno sentire un po' più a casa, Rahina la mamma di Parween, altra donna con gli attributi, paesani di ogni età e genere che portano il lettore un pò dentro a mentalità così diverse dalla nostra.

Della storia non vi racconto altro, Elsa imparerà poco alla volta le regole e la vita in una comunità così distante da quella americana, imparerà a gestire la paura e ad avere a che fare con disastri come mine antiuomo e guerra.

Il tema è molto forte, alcune immagini sono molto forti, l'autrice è bravissima a descrivere e a raccontare quello che succede...ma questo bel libro ha un unica grande pecca, per quanto mi riguarda.
I dialoghi tra Elsa e Mike, che si innamoraranno a prima vista, lei degli occhi azzurri di lui che riesce ad individuare da sopra un tetto a 30000km di distanza e lui che la vede correre non ho capito dove con il rossetto e gli occhiali da sole...forse alcuni si ricorderanno del mio commento sui dialoghi del libro di Lucy Dillon, ecco questi sono quasi peggio, quel dramma troppo calcato alla Beautiful e il rimarcare continuo che lui è un soldato...non sto seriamente neanche a farvi degli esempi perchè il latte vi andrebbe alle ginocchia, scenderebbe nei piedi, per poi risalire sino ai capelli rendendovi gelatinosi e mollicci.
Essendo una sensazione sicuramente legata a questo mio rifiuto ai romanzi d'amore, o comunque alle frasi di una banalità disarmante, non mi sento di sconsigliarvelo in toto, perchè la storia è veramente fatta bene ed entrare nella mentalità di un paese ancora oggi per noi sconosciuto è sempre una bella esperienza.
Nella lettura ho scoperto i Buddha di Bamiyan, che sono stati realmente abbattuti nell'aprile del 2001 dai talebani perchè non essendo Allah, anche se nessuno li pregava, perchè essendo li da tempo immemore erano una pura decorazione ed abbellimento della città, li hanno fatti saltare in aria.
Leggerlo o non leggerlo? A voi l'ardua sentenza!

Stay Tuned!!!
------------------------

Titolo: Le ragazze di Kabul
Autore: Roberta Gately
Casa Editrice: Newton Compton
Formato: Tascabile
Pagine: 331
Prezzo di copertina: 4,90€
ISBN-13 9788854161283

Nessun commento:

Posta un commento