mercoledì 5 novembre 2014

W...W...W...Wednesday #6

Ciao ragazze, qua leggo come una macchinetta ma non riesco mai a trovare il tempo per fare le recensioni, stasera cerco di recuperare!
Pronte a conoscere i miei piani di lettura settimanali?





Stavo scavando in mezzo alle offertissime e mi è cascato tra le mani questo libro, prezzo super economico e storia interessante, ha giocato a suo favore anche la copertina che si differenziava tra tipo 200 libri!
L'ho iniziato oggi, per ora posso dirvi che è scritto bene e che trasmette ogni emozione in modo diretto ed esplicito!


Fanniel Flagg non si è smentita neanche questa volta, peccato il qui pro quo della quarta di copertina che continua a convincermi del fatto che una buona fetta di coloro che si occupa di scrivere queste benedette quarte di copertina legga la prima pagina e l'ultima, ma approfondirò nella recesione!
L'orribile Karma della formica invece l'ho bevuto in un pomeriggio, è divertentissimo davvero, un pò di fantasia, non è sicuramente una storia vera ma poi per me che credo nel Karma e nella rinascita è stato bello ed "istruttivo"! Super recensione in arrivo!
Il terzo parla di cani, io AMO i cani, questo in particolare parla di un rifugio, io gestisco un bel gruppo di aiuto cani con delle amiche per cui è un campo che amo, peccato che tutti i cani nel canile del libro siano di razze astruse e probabilmente super costose...un pò surreale che non ci sia neanche un meticcio...è un canile! Per il resto aspettate recensione!



La foto è bruttissima! il libro di intitola "L'uomo che mangiò il 747" di Ben Sherwood.
Ho scovato questo libro, prima di mettero in whislist, sul blog della mitica Lettrice Rampante! Mi aveva talmente incuriosita che aspettavo il momento giusto per comprarlo e ualà!
Anche lui super scontato è venuto a fare la nanna nella mia libreria!

E voi???
Cosa vi siete organizzate per la settimana????

8 commenti:

  1. Ok, "hamburger e miracoli" è un titolo assurdo O.o XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I titoli di questa serie di libri della bur tendono un pò ad assomigliarsi tutti, esempio "POMODORI FERDI FRITTI al caffè di Whistle Stop" "HAMBURGER E MIRACOLI sulle rive di Shell Beach" questo libro originariamente si intitola " Daisy Fay and the Miracle Man". Sono quelle traduzioni "azzardate" che molte case editrici fanno per creare assonanza tra i loro libri, una blogger "La lettrice rampante" è ferratissima su questo argomento e ha una bella rubrica dove cerca di capire perchè cambino così tanto i titoli dall'originale all'italiano.
      Io a volte...le detesto XD
      Anche i due libri di Rachel Joyce hanno titoli assonanti, va proprio di moda...grrrrrr

      Elimina
  2. 'L'orribile karma della formica' mi ispira incredibilmente tanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' buffissimo, tenero, divertente e fresco, per quanto gli argomenti principali siano morte e rinascita

      Elimina
  3. Della Dillon ho sentito parlare un gran bene.. Mette serenità.. Vero? *_*
    Vorrei leggere "Piccoli passi di felicità" *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ne ho letti due, il primo questo: http://libriamocisu.blogspot.it/2014/06/la-libreria-degli-amori-inattesti-lucy.html è molto carino sicuramente, ma la banalità di una buona parte delle conversazioni l'ha reso veramente pesante e noioso.
      Questo del canile è molto carino, l'argomento trattato mi ha toccato nel profondo e mi ha dato tantissime idee su come si possono effettivamente aiutare i cani, anche se meno dell'altro, le conversazioni alla beautiful non mancano.
      Non ti so dire se mi ha messo serenità ahah quando leggevo quelle frasi che sono Brooke Logan potrebbe far uscire dalle sue labbrone mi venivano i nervi ahahah

      Elimina
  4. Bene, l'orribile Karma della formica lo inserisco subito in lista!! Hai ragione sulla foto del libro "l'uomo che mangiò il 747". Mi mette ansia! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non te ne pentirai guarda! E' una perlina, un pò grezza, ma davvero divertente, il tema della morte è difficile da far risultare leggero, in questo libro ci si è riusciti perfettamente, non è più "oh no sto per morire, povera me, povera me" ma "Cacchio...sto morendo un'altra volta?" ahah

      Elimina